In un mondo sempre più connesso, dove si moltiplicano le iniziative per fare networking, trovo interessante il servizio “Meet and Seat” che KLM offrirà a breve: poter scegliere al momento del check-in online i vicini

Stefania Boleso's logo

Sono d’accordo che un testimonial debba garantire grande visibilità per un’azienda... Però oltre alla visibilità dovrebbe anche rafforzare la credibilità dell’azienda stessa. E quindi non riesco a capire come Mercedes (o chi per lei) possa aver avuto

Stefania Boleso's logo

Greenpeace è una realtà che osservo sempre con grande interesse. Dal punto di vista della comunicazione non convenzionale sono davvero bravi. Hanno risorse limitate, decisamente inferiori ai loro avversari, eppure con operazioni di vera guerrilla

Stefania Boleso's logo

In un post di un paio di settimane fa scrivevo dell'importanza del made in Italy come fattore sul quale costruire la differenziazione. Un brand, un invisible asset che potrebbe consentire alle aziende italiane di competere

Stefania Boleso's logo

Target, il secondo più grande rivenditore al dettaglio nel mondo dopo Wal-Mart, ha deciso di utilizzare come modello nel suo ultimo catalogo di moda per bambini anche un bimbo nato con la sindrome di down.

Stefania Boleso's logo

Quello che dicono tutti (a ragione) è che la prima cosa da fare per un’azienda che decide di operare sul web è mettersi in ascolto: stare a sentire cosa dicono i clienti, ma anche i

Stefania Boleso's logo

Tra i metodi utilizzati per la generazione di idee nel processo di sviluppo di un nuovo prodotto (o servizio) c’è l’analisi dei benefici: si determinano cioè quali specifiche caratteristiche il consumatore desidera all’interno di una

Stefania Boleso's logo

Questo annuncio a firma Natuzzi è uscito il 24 dicembre sul Corriere della Sera. Mi ha fatto subito pensare alla matrice strategica di Porter e alla differenziazione come strategia di crescita. Solo attraverso la differenziazione

Stefania Boleso's logo